Blog Posts

Esplorazioni Evolutive

No – un avverbio a volte cosi difficile da pronunciare

Un semplice No ma che porta con sé tanta difficoltà

spesso legata al timore di scontentare le persone  e alla paura di deludere, di offendere di essere allontanati o di essere giudicati in malo modo.

La fatica del dire No porta con sé la mancanza di fiducia in noi stesse e la paura che le ragioni che stanno dietro a quel o a quei no,  non siano capite o non siano accettate.

No diventa un avverbio a volte cosi difficile da pronunciare

Quando il dire no riguarda una persona a cui vogliamo bene scatta la paura di fare soffrire l’altra persona, di recarle del dolore e di conseguenza ci troviamo a fare i conti con il senso di colpa.

Nella mia esperienza come Counselor

incontro spesso donne a cui risulta difficile dire dei No, trasversalmente nella propria vita professionale e in quella strettamente privata.

la maggioranza delle donne che si sono rivolte a me, aveva difficoltà a dire dei no, ad esempio a:

  • un fidanzato, compagno, marito geloso che voleva  controllare e spesso gestire la loro vita
  • il figlio o la figlia che chiedeva quanto più del necessario e utilizzava anche inconsapevolmente il suo scendente per debordare nelle richieste
  • le persone intorno, per sentirsi parte di un gruppo o non sentirsi allontanati dalla famiglia
  • un superiore che richiedeva impegno oberando di lavoro e obbligando a frustranti tempi di vita e di lavoro, allettandole con l’idea di essere indispensabile e con futuri riconoscimenti economici o di carriera
  • un’amica che non riuscendo a gestire la propria solitudine esagerava nella richiesta di presenza

No – diventa un avverbio a volte cosi difficile da pronunciare

perché le persone intorno a te si abituano ai tuoi dei Si e danno quasi per scontata la tua disponibilità, rendendo ancora più scomodo pronunciare quei No

Il meccanismo diventa contorto e difficile che non riconosci nemmeno più quando davvero vorresti dire di si o invece dire NO.

Il No è legato all’Autostima e alla Fiducia in noi stesse. E’ strettamente connesso con la capacità o difficoltà a definire i confini che sono salutari tra noi e gli altri .

Qualche suggerimento:

» comincia dalle piccole cose in cui puoi provare a sperimentare un rifiuto

» chiediti come ti sentiresti se rifiutassi quella cosa o quella situazione, ti sentiresti davvero cosi male o potresti riuscire ad affrontarla?

» chiediti cosa ti spinge ad accettare e se questo risuona dentro di te in modo armonico o dissonante

» sperimenta un no cercando di argomentare il perché lo stai dicendo e nel farlo pensa a cosa vorresti sentirti dire tu in quella stessa situazione

» sdrammatizza gli esiti di un eventuale tuo No

» considera i motivi per cui sarebbe utile dire un No in quella situazione, aiuta a tenere lontano il famigerato senso di colpa

Questi sono i primi ma importanti passi per riuscire a fare si che il NO non sia più un avverbio cosi difficile da pronunciare

Il grande tema che abbraccia e sottende tutto ciò è quello dell’Amore verso noi stesse (volutamente la A è maiuscola) e della capacità di provare amore incondizionato.

Imparare ad amarsi

Se amo me stessa, mi voglio bene, mi ascolto, provo empatia verso di me e le mie emozioni, sarà più facile definire i confini della mia esistenza.

Sarò in grado di riuscire ad evitare che gli altri li superino.

Sarò in grado di pronunciare quei  Si e quei No che sento siano davvero quelli giusti per me.

Se imparo ad amarmi riuscirò a non mentire, a tollerare un eventuale dissenso nei miei confronti, a non avere paura di un rifiuto e di non essere amata.

Una donna che amo molto amava dire “Fall in love with you in your life and then whoever you want!” (Frida Kahlo).

Se ti interessano questi argomenti e vuoi continuare ad essere informata su quello che scrivo e le attività che svolgo, puoi iscriverti a Tracce la mia newsletter mensile cliccando qui

Se hai voglia di coccolarti qui c’è qualche regalo per te

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, scopri come fare nella cookie policy. Cliccando sul pulsante, acconsenti all'uso dei cookie. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi